Lo Shibari come arte d’avanguardia. Una conversazione impura con Isabella Corda, aka Dolcissima Bastarda.

11 pensieri su “Lo Shibari come arte d’avanguardia. Una conversazione impura con Isabella Corda, aka Dolcissima Bastarda.”

  1. “Si dirà forse che le mie idee sono un po’ troppo forti», scriveva Sade, «ma che importa? Non abbiamo forse conquistato il diritto di dire tutto?”
    Sonia Caporossi

  2. Ciao, quando avete pubblicato questo articolo l’ho letto incuriosita in quanto mi ha riportato alla mente un fatto di cronaca avvenuto in un garage di Roma il cui tragico finale ha dato origine ad un acceso dibattito sui giornali, in rete…Ovunque.

    Mentre leggevo mi sono resa conto che ero condizionata da quell’evento e quindi da una sorta di “pre-giudizio” che m’impediva di cogliere appieno la performance.

    Una più attenta lettura mi ha fatto conoscere l’esistenza di questa antica arte giapponese ed ho continuato a leggere l’articolo per poi guardare il video con una predisposizione diversa.

    Se l’intento della performer era quello di creare una reazione nello spettatore, con me è riuscita nel suo intento: Mi ha incuriosita, provocata, e in un certo qual modo sfidata.

    Ora leggo di “impura caduta di stile” e mi chiedo se questa affermazione esprima un giudizio (pre-giudizio) sulla pratica in sè.

    Non sarebbe più interessante spostare il dibattito sull’arte intesa come provocazione, o sul perchè lo “Shibari” può o non può essere considerato arte d’avanguardia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...