Critica Impura chiude per ferie (24/12/2017-06/01/2018): buone festività a tutti!

Si avvisano i gentili lettori che Critica Impura si prende meritatamente un periodo di riposo per le vacanze di fine anno dal 24 Dicembre al 6 Gennaio. Dato il pessimo andazzo che sta aleggiando nel mondo, lanciamo una proposta: ognuno di voi metta un soldatino nel presepe come gesto apotropaico e di buon auspicio… Durante […]

Read More Critica Impura chiude per ferie (24/12/2017-06/01/2018): buone festività a tutti!

Mentalità umanistica e socialismo

Di UMBERTO PETRONGARI La stesura di tale saggio è stata ispirata da Julius Evola e da una certa lettura della produzione matura di Friedrich Nietzsche. Pur avendo molto attinto da tali due grandissimi autori, il saggio non si uniforma, in primo luogo, alle loro preferenze culturali. Per quel che riguarda Evola, sebbene condivida appieno – […]

Read More Mentalità umanistica e socialismo

“Dare forma all’informe e coscienza all’incosciente”: Gianluca Garrapa intervista Sonia Caporossi su Satisfiction

Di GIANLUCA GARRAPA *   Vista: ti vedo danzare nel Sole, danzare in un sacro sorriso: cosa vede nel mondo un poeta? Sonia: Il poeta vede nel mondo l’epifania estatica della realtà in forma d’arte. Vede una realtà aumentata, in cui ogni singolo particolare balugina come fosse il riverbero della propria autocoscienza amplificata. Vede il contenuto, che può essere […]

Read More “Dare forma all’informe e coscienza all’incosciente”: Gianluca Garrapa intervista Sonia Caporossi su Satisfiction

Il citazionismo illuminato in “Global” di Stefano Della Tommasina

Di SONIA CAPOROSSI * Esiste in Global un’istanza del postmoderno nemmeno lirico, bensì più propriamente narrativo, che Stefano Della Tommasina ha compiutamente assorbito nella propria poetica, ed è il citazionismo non pedissequo, dissimulato e disperso all’interno dei versi, apparentemente risolto come chiave di lettura osteso al fruitore attraverso le note alla fine del libro, riferimenti […]

Read More Il citazionismo illuminato in “Global” di Stefano Della Tommasina

«On an Odissey of self-discovery»: Il veliero capovolto di Massimo Rizza e l’archetipo del viaggiatore interiore

Di SONIA CAPOROSSI * Nell’anelito della poesia-che-osa-dire-il-suo-nome, ogni istanza figurale ritrova in un archetipo letterario la propria cartina tornasole. È il caso del veliero capovolto di Massimo Rizza, silloge che ha vinto nel 2016 il concorso Opera Prima di Poesia 2.0, tutta incentrata sul percorso immaginifico e metasemantico di una sorta di tu lirico corrispondente, […]

Read More «On an Odissey of self-discovery»: Il veliero capovolto di Massimo Rizza e l’archetipo del viaggiatore interiore

Maurizio Manzo e il rizomatico potere della Parola – Demiurgo

Di SONIA CAPOROSSI * “Demiurgica la vena del mutare prospettive e destini, qualora la poesia si ponga quale dimensione di ordine liturgico”, ha scritto Gian Ruggiero Manzoni in una breve nota critica preposta a Rizomi e altre gramigne di Maurizio Manzo. Ordine liturgico e rizomatica demiurgica mi sembrano definizioni pertinenti al fare poetico di questo […]

Read More Maurizio Manzo e il rizomatico potere della Parola – Demiurgo

L’irreprensibile loquacità delle cose in “Canti di Stagione” di Alessandro Lanucara

Di SONIA CAPOROSSI *  Nei Canti di Stagione di Alessandro Lanucara percorre l’intera struttura un filo rosso di significanza di natura eminentemente tecnica, un conduttore formale che traduce in sostanza e contenuto la materia poetica di turno: una forma, a ben vedere, tecnicamente abbastanza tradizionale, che tuttavia risulta rinnovata nell’impianto e nell’uso peculiare del poeta, […]

Read More L’irreprensibile loquacità delle cose in “Canti di Stagione” di Alessandro Lanucara