Roberto Ravì Pinto, “Temporali al neon”

Di MARIA GRAZIA TONETTO La caratteristica più evidente della poesia di Ravì Pinto consiste forse nella sua qualità metafisica. Pur presentando una tematica decisamente delineata – la storia di due amanti divisi – la raccolta Temporali al neon si snoda in un’ambientazione che è al tempo stesso urbana e rarefatta, un paesaggio dell’anima, un tempo … Continua a leggere Roberto Ravì Pinto, “Temporali al neon”

Pulsione narcisistica: Eros Sogno. Attraversando “Hypnerotomachia Ulixis” di Sonia Caporossi

Di VITALDO CONTE   “Amo, quindi sogno” (S. Caporossi) Il sogno esprime un possibile percorso dell’essere per attraversare la pulsione erotica come ricerca d’amore. L’incontro con la propria proiezione narcisistica può essere espresso per mezzo di un altro. Che magari “vive” attraverso un corpo-sesso diverso dal proprio, in quanto ciò risulta funzionale con il desiderio … Continua a leggere Pulsione narcisistica: Eros Sogno. Attraversando “Hypnerotomachia Ulixis” di Sonia Caporossi

Giovanna Rosadini, “Il numero completo dei giorni”

Di SONIA CAPOROSSI * Il numero completo dei giorni di Giovanna Rosadini segue l’impianto tradizionale delle Parashot, le letture pubbliche della Torah che gli ebrei svolgono durante la celebrazione settimanale dello Shabbat. Si potrebbe parlare di letteratura biblica, sull’onda di una troppo facile approssimazione descrittiva; e invece, al di là dell’indizio strutturale placidamente ancorato allo … Continua a leggere Giovanna Rosadini, “Il numero completo dei giorni”

La poesia metasimbolica di Raffaela Fazio

Di SONIA CAPOROSSI * Per Cassirer, la “funzione simbolica” fondamentale del linguaggio è quella sottesa alla capacità di sintetizzare la molteplicità del reale attraverso attività umane come il mito e la conoscenza razionale. Se concepiamo normalmente il simbolo come un significante che esprime un significato concettuale ad esso diverso eppure collegato per convenzione comune, potremmo … Continua a leggere La poesia metasimbolica di Raffaela Fazio

Massimo Recalcati, La carne impassibile. Su anoressia e bulimia

Di MASSIMO RECALCATI * Una strana setta religiosa aveva fatto della sepoltura del corpo vivo e della sua lenta mummificazione l’apice inquietante della propria pratica ascetica. I suoi adepti si chiamavano miira e la loro esperienza si diffuse in particolare nel Giappone medioevale. Questo rituale mistico assunse i caratteri radicali di una sfida estrema alla … Continua a leggere Massimo Recalcati, La carne impassibile. Su anoressia e bulimia

“Era l’estate”, racconto inedito di Salvatore Enrico Anselmi

Di SALVATORE ENRICO ANSELMI Era stato l’ultimo pomeriggio di primavera, la stagione instabile e insicura, venata di folate fredde tra marzo e aprile. La primavera piovosa e incerta, durante il mese di maggio, uno dei più freddi mesi di maggio che fossero giunti in città, si era conclusa. Il saluto della primavera, di quella primavera … Continua a leggere “Era l’estate”, racconto inedito di Salvatore Enrico Anselmi

Semper apud textum licet insanire. La follia in Nietzsche (Gaia Scienza, 125)

Di VLADIMIR D’AMORA   1. Sospendendo qui il giudizio circa il cimento heideggeriano presso la cosa-Nietzsche, la quale cosa comporterebbe una revisione essenziale dell’impostazione qui tentata, proprio perché consonante con certe crucialità avvistate e meditate proprio da Heidegger — riteniamo che sia possibile una lettura di Nietzsche che gli conceda la compiutezza di un pensare … Continua a leggere Semper apud textum licet insanire. La follia in Nietzsche (Gaia Scienza, 125)

Festival Ipernatural: 19-27 Luglio, Centrale Fies

A cura della REDAZIONE Un nuovo inizio e un nuovo anno per la trentanovesima edizione di DRODESERA il festival dedicato alle performing e alla performance art che, dal 19 al 27 luglio, vede la direttrice artistica Barbara Boninsegna, e fondatrice assieme a Dino Sommadossi, allargare la sua collaborazione e curatela con un board curatoriale sempre … Continua a leggere Festival Ipernatural: 19-27 Luglio, Centrale Fies

Controcorrente: tipi umani, storia e società. Il caso di Russia e Cina

Di UMBERTO PETRONGARI Non credo sia un mio atto di presunzione – o perlomeno lo spero – quello di aver individuato, per mezzo di un’intuizione intellettuale (o di una sorta di essa), le più pure e pressoché aprioristiche tipologie d’uomini. Il nichilista è il tipo d’uomo più originario o arcaico. Conosce solo il presente (o … Continua a leggere Controcorrente: tipi umani, storia e società. Il caso di Russia e Cina

Daniele Barbieri, Percorsi Passionali. XIX: toccare

Di DANIELE BARBIERI * XIX: toccare Ho iniziato parlando del gusto. Vorrei terminare con qualche riflessione sul tatto. Esiste, può esistere un’arte basata sul tatto? O almeno un’arte basata sostanzialmente sul tatto? Teoricamente, perché no? Sculture da percorrere al buio con le mani. Percorsi tattili – ancora al buio. Ma sembra che, se si accende … Continua a leggere Daniele Barbieri, Percorsi Passionali. XIX: toccare

Daniele Barbieri, Percorsi Passionali. VIII: della tecnica

Di DANIELE BARBIERI * VIII: della Tecnica Infine, la tecnica. Disprezzare la tecnica e minimizzare la sua importanza nelle produzioni estetiche va di pari passo col pensare che solo il genio abbia valore. Viceversa, l’esaltazione della tecnica è una tipica posizione demagogica volta a farci credere che tutti possiamo essere artisti a basso prezzo. Quello … Continua a leggere Daniele Barbieri, Percorsi Passionali. VIII: della tecnica

Daniele Barbieri, Percorsi Passionali. VII: progresso

Di DANIELE BARBIERI * VII: progresso A questa domanda spesso il mondo dell’arte si inalbera con orgoglio e risponde sdegnosamente no, salvo confermare con i fatti la fiducia in un atteggiamento progressista che vuole essere smentito a parole. Non c’è peggior accusa per un artista che quella di essere passatista, di appartenere al passato. Io … Continua a leggere Daniele Barbieri, Percorsi Passionali. VII: progresso