Alla ricerca del neomassimalismo italiano e della prosa in poesia: verso una nuova prosa d’arte

Di SONIA CAPOROSSI * L’argomento che toccherò nella “modesta proposta” che Daniele Poletti mi ha invitata gentilmente a enucleare riguarda un argomento a me molto caro, il quale permea talmente in profondità la mia stessa poetica personale di scrittore e di critico letterario che non riuscirò minimamente a trattarne senza citarmi e autocitarmi, per cui […]

Continua a leggere "Alla ricerca del neomassimalismo italiano e della prosa in poesia: verso una nuova prosa d’arte"

Università di Pavia, 12 maggio 2016: presentazione del volume “Martin Heidegger. La verità sui Quaderni Neri” di F. W. Von Herrmann e F. Alfieri

Continua a leggere "Università di Pavia, 12 maggio 2016: presentazione del volume “Martin Heidegger. La verità sui Quaderni Neri” di F. W. Von Herrmann e F. Alfieri"

Marina Pizzi, “Il vestitino bizantino”, tutte le poesie inedite 2016

Di MARINA PIZZI   Il vestitino bizantino 2016-…   A un cuore in pezzi Nessuno s’avvicini Senza l’alto privilegio Di avere sofferto altrettanto. Emily Dickinson   1. Uccidi di me l’occaso La tragedia minuta di essere Serva scolara logora Sopra la gabbia che mi pulsa. Gelateria del Corso non fu l’infanzia Adulta dozzinale campare le […]

Continua a leggere "Marina Pizzi, “Il vestitino bizantino”, tutte le poesie inedite 2016"

Note desultorie provvisorie canzonatorie su pubblicità e poesia. Di Vladimir D’Amora

Di VLADIMIR D’AMORA NOTE DESULTORIE PROVVISORIE CANZONATORIE su PUBBLICITA’ E POESIA 1. Come, e cosa, riflettere – di e in tale situazione della forma e della vita? C’è o non c’è, lo iato? E come si dà – lo scarto inerente a, esistente in ogni messaggio che insieme ci campeggia e scorre di lato? Facendosi […]

Continua a leggere "Note desultorie provvisorie canzonatorie su pubblicità e poesia. Di Vladimir D’Amora"

Il girotondo della memoria. Su 8½ di Federico Fellini. Conclusioni

DI ALESSANDRO SICILIANO L’opera di Federico Fellini illumina retroattivamente il percorso teorico che fin qui abbiamo tracciato. Abbiamo visto come egli si esprima proprio con termini impersonali, in riferimento a qualcosa che lo vive da dentro e che spinge perché l’opera si realizzi. In definitiva, potremmo dire che in ciò consiste l’erotizzazione delle cose della […]

Continua a leggere "Il girotondo della memoria. Su 8½ di Federico Fellini. Conclusioni"