In evidenza

“Adoratorio”, una poesia inedita di Laura Serluca

Di LAURA SERLUCA Adoratorio   Sfasciato dal ripetuto fiorire Di un incendio socchiuso Dentro una parete che pulsa E raccolto fuori di sé Dall’incompiuta lesione Il cielo è rientrato Screpolandosi Al tempo del mandorlo Per allargarsi Nei dialoghi con la pietra. Attaccandosi ai fuochi Che succedono nella testa Il prigioniero si scopre Insidiato dall’odore Del […]

Read More “Adoratorio”, una poesia inedita di Laura Serluca
In evidenza

“Una cosa, una barbie”, prosa filosofica di Vladimir D’Amora

Di VLADIMIR D’AMORA Una causa, una barbie Troppe volte, troppo. Mi ricostruisco sempre, immancabile. Come se non si stancassero, a farmi pezzo di donna, e io accettassi: subendo. Mi ricostruisco anche dalle lettere sfatte, mi spediscono a incollarmi con sangue spettrale a altri viaggiatori della vita: lo so. Tutti patiamo, sotto il sole nato e […]

Read More “Una cosa, una barbie”, prosa filosofica di Vladimir D’Amora
In evidenza

Angela Botta, estratti da “Teatro di Carne”, testo teatrale incentrato sui tarocchi

Di ANGELA BOTTA * PRIMA DEL TEMPO E DELLE DOMANDE   La donna era al centro della stanza, nuda, bellissima. – Che cosa mi hai portato?  Disse la figura alta e imponente nell’ombra. – Ti ho portato me. – Davvero? E’ sicuramente uno stupendo regalo il tuo corpo, ma per quale motivo dovrei darti la […]

Read More Angela Botta, estratti da “Teatro di Carne”, testo teatrale incentrato sui tarocchi
In evidenza

“Ottava Stazione”, poesia inedita di Sonia Caporossi dalla silloge in fieri “Stazioni della Croce”

Di SONIA CAPOROSSI OTTAVA STAZIONE Li mettiamo a parte? Li mettiamo a parte I nostri pigri contemporanei Sotto le convergenze livide del cielo Di cosa è evanescente e cosa invece rimane Nell’indolenza politica di un magro versificare Oggi, così, di sottecchi, d’inenarrabile noia Che sgorga avvilente e svilita Nell’amarezza di ogni vana ipocrisia? Li rendiamo […]

Read More “Ottava Stazione”, poesia inedita di Sonia Caporossi dalla silloge in fieri “Stazioni della Croce”
In evidenza

“Il corpo morto dell’animale”, un racconto inedito di Vladimir D’Amora

Di VLADIMIR D’AMORA Si decise una mattina di fine agosto, per sputare qualcosa, il caldo di più, sulle loro tombe, che non le aveva mai degnate d’una visita, padre e madre entrambi chiavati nella terra, fino allora ossa scordate, innocue. Eppure il caldo montava come ogni anno come un cane petulante, non feroce ma inaggirabile, […]

Read More “Il corpo morto dell’animale”, un racconto inedito di Vladimir D’Amora

Cinque poesie di Patrizia Sardisco dalla silloge inedita “Autism Spectrum”

Di PATRIZIA SARDISCO   Dalla silloge inedita   Autism Spectrum   # 3 hai percorso volando l’enclave breve di un acceleratore del pensiero i piedi alati divine particelle in moto sghembo in ascesa poi la planata e sei atterrata estranea esausta straniati gli arti crudi arrochiti  alberi le mani le disprassie  fanno il vento contrario nelle […]

Read More Cinque poesie di Patrizia Sardisco dalla silloge inedita “Autism Spectrum”

“Sottile quanto un soffio”, un racconto inedito di Danilo Laccetti

Di DANILO LACCETTI Perché qualcosa ancora rimaneva da fare, da qualche parte cercare, la speranza, si sa, ferisce con niente, ma un riverbero alimenta e sottrae sangue come linfa capricciosa, la ragazza per qualche giorno nel darsela, la morte, aspettò. Fosse stata quell’attesa un respiro, avrebbe avuto la solennità paziente, pacata di chi, a precipizio […]

Read More “Sottile quanto un soffio”, un racconto inedito di Danilo Laccetti

“Si è fatto umano tutto”, una poesia di Vladimir D’Amora con un disegno digitale di Sonia Caporossi

  Di VLADIMIR D’AMORA si è fatto umano tutto parlando ai gradi vuoti lo struggersi di occhi sui cieli bassi e enfi di vite avvolte nello incerto situando guerre come se il dono d’ogni appiglio abbottonato ai rosi ricordi tecniche di risicata congestione giornate all’universo intese alla mancanza dell’incomposte frane negandosi la storia e i […]

Read More “Si è fatto umano tutto”, una poesia di Vladimir D’Amora con un disegno digitale di Sonia Caporossi

Quattro poesie di Angela Botta

Di ANGELA BOTTA   Apocalisse Vuota Cieli abbastanza grigi da non fecondare nubi liberano vapore dal terreno caldissimo è atto sacrilego quella nebbia che sale e forma corpi, Elena guarda e ostacola fantasmi prima di seminare attenta a se stessa più della pioggia. Spazi di narrazione incongrua mi attendono mentre Anna mi sorride eppure sa, […]

Read More Quattro poesie di Angela Botta

“Zeminooidal”, un estratto dal romanzo “Morte ai vecchi” di Franco “Bifo” Berardi e Massimiliano Geraci (Baldini&Castoldi)

Di FRANCO “BIFO” BERARDI e MASSIMILIANO GERACI Per un paio d’ore Isidoro ascoltò distrattamente le lamentele dei colleghi. Quando toccò a lui bofonchiò poche frasi che non volevano dir niente. Si era stabilita da lungo tempo una cerimoniosa complicità. L’intero corpo insegnante aveva capito benissimo che, al di là delle considerazioni di dettaglio, l’intera macchina […]

Read More “Zeminooidal”, un estratto dal romanzo “Morte ai vecchi” di Franco “Bifo” Berardi e Massimiliano Geraci (Baldini&Castoldi)

“in principio erìtt lagérrr”: l’esserci a metà fra poesia e filosofia in un testo impuro di Vladimir D’Amora

Di VLADIMIR D’AMORA in principio erìtt lagérrr Il dasein, Leggesi: dasáin. È l’esserci. L’uomo, anche. Cioè: l’uomo deve diventare sempre ciò che già è… E cosa è, uomo? È sempre un essere situato in un ci… In un tempo. In uno spazio. In una storia. In una tradizione In un contesto In una famiglia, anche… […]

Read More “in principio erìtt lagérrr”: l’esserci a metà fra poesia e filosofia in un testo impuro di Vladimir D’Amora

“La notte in cui Mister Morte venne a farmi visita”, un racconto inedito di Leni Remedios

Di LENI REMEDIOS   Non avrei mai immaginato d’incontrarlo in questa veste. Il sonno tardava ad arrivare. I pensieri si arrotolavano con me nel letto punzecchiandomi fra le lenzuola. Mi alzai per recarmi in cucina, nell’illusione che lo sforzo minimo di prendere un bicchiere d’acqua fornisse la stanchezza fisica sufficiente a domarlo una volta per […]

Read More “La notte in cui Mister Morte venne a farmi visita”, un racconto inedito di Leni Remedios

Emiliano Michelini, nove poesie inedite da “Phanopoeia (poesie 2014-2016)”

Di EMILIANO MICHELINI   (poesia uno)   passare e chiudere nell’esile e sottile parola d’intesa da una intonazione all’altra o nei riverberi che si blocca il selvatico con le grida a fare voci, e non è in lontananza il niente più del niente, niente nessuna, non controllata definizione lì continua a consolare organi vocali a […]

Read More Emiliano Michelini, nove poesie inedite da “Phanopoeia (poesie 2014-2016)”

Una poesia inedita del poeta ignoto che si cela dietro lo pseudonimo di Anco Verbano

Di ANCO VERBANO *** Unico amore insostituibile, irrifiutabile è quello che si muove tra le particelle, che entra in noi senza visioni. Questo amore ci dà brevi e intense gioie che non sappiamo da dove arrivino – come una brezza che ci ristori quando il giorno non può più stampare un’ombra e piange, la conifera […]

Read More Una poesia inedita del poeta ignoto che si cela dietro lo pseudonimo di Anco Verbano

Sette poesie di Paolo Carnevali

  DI PAOLO CARNEVALI   *****   Luci come grappoli si accendono sui rilievi scuri vibrazioni e fumo tra il tempo in cocktail ansioso di pioggia sporca. Qualcosa che aspetto o che deve arrivare. E sono presente nascosto e visibile come una luce a grappolo appesa. Mi è permesso il discuto del. Poi vibrazioni e […]

Read More Sette poesie di Paolo Carnevali

“L’uomo che non poteva dormire”, un racconto inedito di Leni Remedios

Di LENI REMEDIOS Dormire è un’abominevole perdita di tempo. Innumerevoli volte han tentato di illustrarmi – nei termini scientifici dei medici, nelle parole amorevoli di un amico – i benefìci del riposo per il corpo e per le generali funzioni psichiche. Credetemi, intellettualmente riesco a comprendere tutte queste ragionevoli spiegazioni. Ma, guardatevi nel profondo del […]

Read More “L’uomo che non poteva dormire”, un racconto inedito di Leni Remedios

“Gravi di percezione”, polittico inedito di Mauro Pierno con un’immagine di Sonia Caporossi

“GRAVI DI PERCEZIONE”      Di MAURO PIERNO   1        Sopprimi sostanza 2        Gestisci grinzose sembianze 3        Quest’occhio non cerca 4        La notte è sangue senza rugiada 5        Hai dunque sfiorate le tenebre 6        La forma ha sostanza di lieve 7        Il pensiero ridicolo 8        L’arto in resistenza molle 9        Poteva essere amore 10    Riappaiono […]

Read More “Gravi di percezione”, polittico inedito di Mauro Pierno con un’immagine di Sonia Caporossi