“The Lost Tapes”: Sonia Caporossi, “Anormalia” (Gennaio 1995)

Sonia Caporossi, “Autoritratto scimmiesco”, 2013 Sonia Caporossi, Anormalia Suonato interamente con un Roland JD800 synthesizer. Mixato con un registratore analogico 4 tracce TASCAM. Composto e registrato nel Gennaio 1995. Prima uscita del progetto The Lost Tapes. Brani originali ed inediti di musica sperimentale ed elettronica analogica degli anni Ottanta e Novanta, recuperati e digitalizzati da nastro magnetico. Buon […]

Read More “The Lost Tapes”: Sonia Caporossi, “Anormalia” (Gennaio 1995)

“Dalla parte delle viole” di Mario Visone, romanzo storico sulla Spagna di Franco e l’assassinio di Garcia Lorca

Di SIMONE LENZI “Io sono uno Spagnolo integrale e mi sarebbe impossibile vivere fuori dai miei limiti geografici; però odio chi è Spagnolo per essere Spagnolo e nient’altro (…)”. Sono queste parole di Garcia Lorca, che, per le vie oscure del cuore, portano Guido Santandrea in Spagna per fare di lui un vendicatore mancato, un […]

Read More “Dalla parte delle viole” di Mario Visone, romanzo storico sulla Spagna di Franco e l’assassinio di Garcia Lorca

Tempo letto e tempo vissuto nelle pieghe di un romanzo a racconti. Recensione a “Uomini che si voltano” di Fabio Ciriachi

Di MARTA ALBA ANCONA Fra le molte qualità di Uomini che si voltano (Coazinzola Press, 2015) di Fabio Ciriachi, merita che ci si soffermi soprattutto sulla sua particolare resa del tempo. Gli otto racconti del romanzo infatti – che ordinati cronologicamente dalla fine del 1969 ai primi del 2000, scandiscono la narrazione in altrettanti capitoli, dotati […]

Read More Tempo letto e tempo vissuto nelle pieghe di un romanzo a racconti. Recensione a “Uomini che si voltano” di Fabio Ciriachi

Contemporaneità ed emancipazione psico-spirituale: nuove inquisizioni e nuove resilienze 4/4

Di LENI REMEDIOS Parte Quarta Questo processo di obnubilamento delle coscienze è evidente soprattutto nell’analisi delle forme di aggressività collettiva ed in come esse vengano recepite diversamente rispetto al passato.  L’alienazione in corso, per utilizzare termini hegeliani, sta attraversando la sua fase di massimo sviluppo, ma non è ancora, a nostro avviso, giunta al suo […]

Read More Contemporaneità ed emancipazione psico-spirituale: nuove inquisizioni e nuove resilienze 4/4

Contemporaneità ed emancipazione psico-spirituale: nuove inquisizioni e nuove resilienze 3/4

Di LENI REMEDIOS Parte Terza In Minima Mercatalia, nel capitolo dedicato alla fase odierna del ‘capitalismo speculativo’, Fusaro, nel quadro di un’osservazione generale riguardante gli intellettuali dal ’68 in poi – sostenitori di una falsa emancipazione e forieri di un edonismo gaudente del tutto in linea con l’assetto dominante – muove una critica importante verso […]

Read More Contemporaneità ed emancipazione psico-spirituale: nuove inquisizioni e nuove resilienze 3/4

Contemporaneità ed emancipazione psico-spirituale: nuove inquisizioni e nuove resilienze 2/4

Di LENI REMEDIOS Parte Seconda EMANCIPARSI DA CHE E PER ANDARE DOVE? Torniamo a Nietzsche. E concedetemi il lusso di un raffronto interculturale sul filo del rasoio. L’osservazione di Jung richiamata poc’anzi mi ha fatto riflettere su uno degli insegnamenti chiave del buddhismo mahayana, ovvero la vacuità[1]. Mi rendo conto che spiegare questo concetto in […]

Read More Contemporaneità ed emancipazione psico-spirituale: nuove inquisizioni e nuove resilienze 2/4

Contemporaneità ed emancipazione psico-spirituale: nuove inquisizioni e nuove resilienze 1/4

Di LENI REMEDIOS Parte Prima “It is the first responsibility of every citizen to question authority” Benjamin Franklin “If you are not able to throw away a concept, you will never be able to go ahead” Tich-Nath-Han, maestro Zen È la società contemporanea interessata a promuovere l’emancipazione psico-spirituale degli individui? La nostra risposta è no: […]

Read More Contemporaneità ed emancipazione psico-spirituale: nuove inquisizioni e nuove resilienze 1/4

Sette poesie di Tomas Bassini da “E’ stato l’amore la grossa fregatura” (Galassia Arte 2014)

Di TOMAS BASSINI   *   E non rimane che aspettare la caduta di casa, il botto grande come da festone ma più brutto. Non rimane che provarci a stare pronti un poco la sera, ad avere tante dita da incrociare (che poi si fanno bastoncini e giochiamo a un lungo gioco giapponese).   Non […]

Read More Sette poesie di Tomas Bassini da “E’ stato l’amore la grossa fregatura” (Galassia Arte 2014)

“Baroccaggine del mondo. Una spregiudicatezza che oltrepassa il puro esercizio di stile”: Gadda secondo Antonio Porta

Di ANTONIO PORTA * Ecco un libro che ci invita e ci permette di rivisitare il misterioso e sempre proliferante “pianeta” Gadda muovendo da un punto fino ad ora trascurato per ragioni di forza maggiore, dall’esaurimento cioè, di quella preziosa antologia di letteratura spagnola che fu il “Pantheon” di Bompiani curato da Carlo Bo nel […]

Read More “Baroccaggine del mondo. Una spregiudicatezza che oltrepassa il puro esercizio di stile”: Gadda secondo Antonio Porta

Derrida, Hegel & Schermo – filosofemi di Vladimir D’Amora

Di VLADIMIR D’AMORA Accuse di autoreferenzialità, accuse di non originalità… Che cos’è, insomma, una sopravvivenza – questo sarebbe da chiedere – rispondendo meno frontalmente, che provvisoriamente – è forse questo, il gesto derridiano… Forse. Che cos’è un pensiero interminato, senza limite: che non smetta di riferirsi a se stesso, e però, insieme, in vista del […]

Read More Derrida, Hegel & Schermo – filosofemi di Vladimir D’Amora

La rinascita del racconto come genere letterario in Italia: un’opportunità, un atto di coraggio

Di SONIA CAPOROSSI Non è una novità che il racconto, considerato più o meno aristotelicamente come genere letterario, sia stato negli ultimi tempi maltrattato da editori e agenti letterari che tentano di dissuadere gli scrittori dallo scriverne almeno quanto, di conseguenza, i lettori dal leggerne, ripetendo ossessivamente che non vale la pena perché “il racconto […]

Read More La rinascita del racconto come genere letterario in Italia: un’opportunità, un atto di coraggio

“L’Io poetico è una maschera dall’etimo greco”: da “Le mucche non leggono Montale” di Giulio Maffii

Di GIULIO MAFFII IO NON IO * Il non poeta lo si riconosce subito dai primi versi. Il parrocchiale, chiamiamolo così al pari dei pittori della domenica, non conosce varietà di dettato, di espressione. Valori connotativi e denotativi. Il linguaggio questo sconosciuto. Lo sguardo sarà sempre obliquo, i pensieri muti, insomma scrive sempre in poetichese, […]

Read More “L’Io poetico è una maschera dall’etimo greco”: da “Le mucche non leggono Montale” di Giulio Maffii