Stefania Di Lino, “La Parola Detta” a Roma, Biblioteca Nelson Mandela, Giovedì 12 Dicembre ore 17:30

Continua a leggere "Stefania Di Lino, “La Parola Detta” a Roma, Biblioteca Nelson Mandela, Giovedì 12 Dicembre ore 17:30"

Gli spazi mobili della poesia #4: Julian Zhara, “Più seria della morte”

Di JULIAN ZHARA * 10 marzo 2017 Più che di mandato sociale del poeta e a quale figura alternativa sia stato affidato, un collettivo di persone che scrivono poesie, è accorso da tutta Italia alla Spezia, per discutere principalmente del mandato culturale della poesia. Lo sforzo organizzativo dei Mitilanti, l’ospitalità e la voglia di conoscersi […]

Continua a leggere "Gli spazi mobili della poesia #4: Julian Zhara, “Più seria della morte”"

Tiziana Colusso, “a nuoto nel vuoto (e sulfureo atterraggio)”: un poemetto inedito

Di TIZIANA COLUSSO a nuoto nel vuoto (e sulfureo atterraggio) I. poi finalmente tutto è vanitas, vacuum – elogio della rarefazione – salubre cerimonia degli addii dal saturo di pensieri valigie materia del mondo inavvertito ai terrestri si rarefa l’universo come una torta troppo lievitata, le molecole si sfuggono si slargano esponenziali, si fa spazio […]

Continua a leggere "Tiziana Colusso, “a nuoto nel vuoto (e sulfureo atterraggio)”: un poemetto inedito"

E stare come verde foglia stare: Gabriella Sica, “Tu io e Montale a cena”

Di DAVIDE TOFFOLI Dopo quasi dieci anni torna a proporre un suo libro di versi Gabriella Sica, pubblicando per Interno Poesia un toccante “Tu io e Montale a cena”, con foto di copertina dell’immancabile Dino Ignani. Si tratta di una cinquantina scarsa di liriche, più due brevi testi in prosa, ben centrati sulla figura dell’inimitabile […]

Continua a leggere "E stare come verde foglia stare: Gabriella Sica, “Tu io e Montale a cena”"

Gli spazi mobili della poesia #3: Bernardo Pacini, “Per non perdere il filo”

Di BERNARDO PACINI * 7 marzo 2017 Sorge per la settima volta il sole da quando a Spezia si è conclusa la prima Mitilanza della storia d’Italia: alla luce aurorale che filtra dalle serrande semichiuse del mio studiolo fiorentino di filologo del cazzo, mi è possibile ancora una volta fermarmi a pensare a tutto ciò […]

Continua a leggere "Gli spazi mobili della poesia #3: Bernardo Pacini, “Per non perdere il filo”"