In evidenza

Ma Rea e lo Stendiversomio come poetica di strada: intervista di Sonia Caporossi

Di SONIA CAPOROSSI Abbiamo recentemente conosciuto di persona e quindi intervistato Ma Rea, uno dei poeti di strada maggiormente attivi e creativi letteralmente sulla piazza del Belpaese, oggi. Le sue risposte ci permetteranno di dipanare alcune questioni inerenti la sua poetica personale e lo statuto ontologico della Street Poetry attuale in Italia. Sonia Caporossi: Presentati […]

Read More Ma Rea e lo Stendiversomio come poetica di strada: intervista di Sonia Caporossi

L’arte multimediale di Adern X: un’intervista di Sonia Caporossi

Di SONIA CAPOROSSI Abbiamo intervistato per Critica Impura l’artista multimediale Adern X, autore del progetto XeVoR, cercando di penetrare il senso della sua poetica che spazia in multiformi campi dell’espressione, dall’arte visuale alla musica elettronica d’avanguardia, con all’attivo numerose performance, mostre, cataloghi, festival e produzioni sonore a livello italiano ed europeo. SC: Quale intuizione particolare […]

Read More L’arte multimediale di Adern X: un’intervista di Sonia Caporossi

Piero della Francesca incontra Marcel Duchamp. Debutta Archè di Masque Teatro

A cura della REDAZIONE Il progetto, ideato da Masque teatro in collaborazione con Cinemovel Foundation, mette in relazione due tra le opere più emblematiche della storia dell’arte, La Resurrezione di Piero della Francesca e Il Grande Vetro di Marcel Duchamp. A Forlì, domenica 19 giugno. Incontri inconsueti. Archè di Masque Teatro fa dialogare due opere […]

Read More Piero della Francesca incontra Marcel Duchamp. Debutta Archè di Masque Teatro

La violenza cromatica del bianco e nero nelle mostruosità figurali di Red Tweny

Di RED TWENY I miei disegni sono caratterizzati da un uso esagerato e ipnotizzante dell’inchiostro nero. I soggetti che prediligo hanno lo scopo di produrre un forte impatto espressionista e sono immediatamente riconoscibili tra gli altri. Non cerco di tenere nascosti i significati, ma intendo metterli in evidenza con semplicità e immediatezza, senza l’aggiunta di […]

Read More La violenza cromatica del bianco e nero nelle mostruosità figurali di Red Tweny

“Debunking sull’amore”, un racconto inedito di Andrea Frau

Di ANDREA FRAU Debunking: la pratica di mettere in dubbio o smentire, basandosi su metodologie scientifiche, affermazioni false, esagerate, antiscientifiche. (Definizione Garzanti) Primo tempo. Il signor Soave passava le sue sere a far debunking all’amore. Canticchiava sempre una nenia: “Con un velo da sposa pulisce un telefono a gettoni, per il suo funerale manda le […]

Read More “Debunking sull’amore”, un racconto inedito di Andrea Frau

Spiritual art in mostra a Milano: l’opera visiva di Rocco Micale

Di SALVO SANFILIPPO A tutti coloro che si professano amanti delle arti figurative digitali, Critica Impura segnala la possibilità di visitare sino al 19 Luglio 2014 la mostra intitolata SpiRituale/Digitale 1.0. allestita presso la Galleria d’esposizione Open Art di Milano in Corso Buenos Aires 77. Le tele, firmate dall’artista siciliano Rocco Micale, offrono una conformità […]

Read More Spiritual art in mostra a Milano: l’opera visiva di Rocco Micale

“Italia 2070″, un racconto inedito di Gianluca Garrapa. Parte 2/2

Di GIANLUCA GARRAPA (continua da: https://criticaimpura.wordpress.com/2014/05/18/italia-2070-un-racconto-inedito-di-gianluca-garrapa-parte-12/) LO SPECCHIO Augusto contempla il riflesso del proprio volto allo specchio infranto: la superficie crepata della lastra di piombo bianco, divide il volto di Augusto in due parti sbalzate. L’ambiente alle sue spalle assume un aspetto surreale. Un prospettiva di piani in verticale, una geometria di spazi non immaginabili. L’assurdo […]

Read More “Italia 2070″, un racconto inedito di Gianluca Garrapa. Parte 2/2

“Italia 2070”, un racconto inedito di Gianluca Garrapa. Parte 1/2

Di GIANLUCA GARRAPA Leopold, l’autore secondo Benito Zanni “l’uomo è l’animale più crudele che c’è” Nietzsche. Leopold esce dalla biblioteca. Il cielo terso e l’aria fresca. La biblioteca in P.zza dei Cavalieri. Leopold immobile, in trance a osservare il monumento. Alto, pallido, gli occhi cerchiati, stanchi. Immagina di vedere i moderni cavalieri pestare coi zoccoli […]

Read More “Italia 2070”, un racconto inedito di Gianluca Garrapa. Parte 1/2

La scrittura regressiva di Jacopo Masini e il realismo immaginifico della letteratura come vita

Di SONIA CAPOROSSI   Jacopo Panizzi si addormentò tra le pagine di un libro. –      Cosa ci fai qui? – gli chiese un giovane in uniforme. –      Non lo so – rispose Jacopo – credo di essermi perso – Poi si guardò intorno: era in cima a un’altura, a fondovalle era in corso una battaglia. […]

Read More La scrittura regressiva di Jacopo Masini e il realismo immaginifico della letteratura come vita

La nuova fantascienza italiana e il futuro come vocazione: breve introduzione al Connettivismo

di SANDRO BATTISTI e GIOVANNI DE MATTEO con un disegno digitale di SONIA CAPOROSSI (Neurofrantic, 2012) Connettivismo: la nuova fantascienza italiana Il Connettivismo è un movimento artistico di avanguardia nato in seno alla fantascienza italiana con l’intento di far tesoro delle avanguardie del secolo passato e acuire la sensibilità verso il postumanismo e le tecnologie […]

Read More La nuova fantascienza italiana e il futuro come vocazione: breve introduzione al Connettivismo

L’orrore fenomenologico di H. P. Lovecraft: il sogno e il nichilismo, il fascinans e il tremendum (Terza Parte)

di LENI REMEDIOS Un vero solitario? Eppure il solitario di Providence non era un solitario avulso dalla contemporaneità che viveva e, se si legge fra le righe, alcune delle sue storie in particolare non appaiono affatto come delle mere fughe dal reale. Certo vi sono già le centinaia di lettere, indirizzate a vari amici e letterati […]

Read More L’orrore fenomenologico di H. P. Lovecraft: il sogno e il nichilismo, il fascinans e il tremendum (Terza Parte)

L’orrore fenomenologico di H. P. Lovecraft: il sogno e il nichilismo, il fascinans e il tremendum (Prima Parte)

di LENI REMEDIOS Nella gamma dei pregiudizi, quelli letterari sono senz’altro i più resistenti. Ho sempre nutrito una forte riluttanza verso gli scritti di Lovecraft: essendo la sottoscritta più incline al lato psicologico delle weird tales, l’idea di affrontare le creature tentacolari dello scrittore di Providence non mi ha mai allettato. Ma ho dovuto far cadere le […]

Read More L’orrore fenomenologico di H. P. Lovecraft: il sogno e il nichilismo, il fascinans e il tremendum (Prima Parte)

“L’Ora Migliore” di Simone Ghelli e la dimensione umbratile della follia. Una recensione impura.

di SONIA CAPOROSSI Simone Ghelli: classe 1975, livornese di Cecina, barbetta biondiccia, ciuffetto diradato, leggermente butterato, più giovane di me di due anni; brava persona, di quelle che ci ragiona su e non si incazza se non sei d’accordo; critico cinematografico capace ed appassionato (sono riuscita ad avere per breve tempo fra le mani il […]

Read More “L’Ora Migliore” di Simone Ghelli e la dimensione umbratile della follia. Una recensione impura.

L’urlo e la teoresi: appunti sullo statuto dell’arte contemporanea.

di SONIA CAPOROSSI Tutto il dibattito e la vulgata sull’arte contemporanea (beninteso, dico contemporanea perché quella postmoderna è, come idea, oltre quest’analisi, per motivi che spiegherò più oltre) sembrerebbe, alla fin fine, riportare il giudizio critico degli addetti ai lavori sul piano della comprensione del semplice fruitore. Si sente insomma sempre più spesso dire che […]

Read More L’urlo e la teoresi: appunti sullo statuto dell’arte contemporanea.

Marco Casolino o l’irriverenza della materia egotica. Un’intervista impura.

di SONIA CAPOROSSI Se c’è in Italia un artista irriverente quanto basta da risultare disponibile ad aspirare al trono di “primo dissacratore” quando il Re (ovvero Maurizio Cattelan) sarà morto, quello è Marco Casolino. Passato dall’osservazione e dalla plasmatura della materia inerte come fonte precipua di ispirazione e di espressione, dal metallo, dal legno, dalla plastica Casolino è passato […]

Read More Marco Casolino o l’irriverenza della materia egotica. Un’intervista impura.

Il caleidoscopico mondo Pop di David “Diavù” Vecchiato. Un’intervista impura

di SONIA CAPOROSSI Artista poliedrico e multiforme, David “Diavù” Vecchiato ha attraversato gli ultimi vent’anni di pop culture italiana ed europea da protagonista assoluto. E’ stato ed è, di volta in volta, pittore, scultore, editore, musicista, illustratore, cartoonist, vocalist, speaker e dj radiofonico, artista arrabbiato e irriverente, con il culto del colore sovraccarico e dello […]

Read More Il caleidoscopico mondo Pop di David “Diavù” Vecchiato. Un’intervista impura

Simpliciter & Complicatibus in: “Senza Titolo”, da “L’irragionevole prova del Nove”

  di GIOVANNI CAMPI […] Simpliciter: – Come interpretare tutto insieme? Complicatibus: – Cosa interpretare: tutto l’insieme? o l’insieme del tutto? o il tutto dell’insieme? Forse non c’è da interpretare nessuna parte: se pure ci fosse questa gran copia, non c’è copione da seguire. Quella del copione è un’altra storia, con dei personaggî, con delle […]

Read More Simpliciter & Complicatibus in: “Senza Titolo”, da “L’irragionevole prova del Nove”

Il surrealismo e la psicanalisi della produzione e della fruizione artistica secondo Kris e Gombrich

  Di SONIA CAPOROSSI L’importanza della figura di Ernst Kris come storico dell’arte e psicanalista, la sua imprescindibilità teorica nell’estetica contemporanea è notoria, ma l’interesse che in particolar modo io gli ho sempre rivolto, probabilmente, è dovuto al fatto che egli considera i concetti di ispirazione ed elaborazione dell’artista come non nettamente separati fra di […]

Read More Il surrealismo e la psicanalisi della produzione e della fruizione artistica secondo Kris e Gombrich