Tag: storia contemporanea

“Invasioni”: l’Italia imperialista nel nuovo libro di Enzo Cicchino, intervista di Sonia Caporossi

Di SONIA CAPOROSSI Enzo Antonio Cicchino, l’autore di Il Duce Attraverso il Luce e Il Carteggio Mussolini Churchill che collabora con RAI TRE per La Grande Storia, è tornato con Invasioni (MnM Print Edizioni, … Continua a leggere “Invasioni”: l’Italia imperialista nel nuovo libro di Enzo Cicchino, intervista di Sonia Caporossi

Torino, 1-9-16 marzo ore 21: Gioele Dix, Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni leggono Primo Levi trent’anni dopo

A cura della REDAZIONE TRENT’ANNI DOPO. PRIMO LEVI E LE SUE STORIE Gioele Dix, Sonia Bergamasco, Fabrizio Gifuni: tre grandi interpreti leggono Primo Levi 1-9-16 marzo 2017, ore 21 – Auditorium … Continua a leggere Torino, 1-9-16 marzo ore 21: Gioele Dix, Sonia Bergamasco e Fabrizio Gifuni leggono Primo Levi trent’anni dopo

Alberto Mieli, sopravvissuto, racconta il lager in “Eravamo ebrei. Questa era la nostra unica colpa”

Alberto Mieli con Ester Mieli, "Eravamo ebrei. Questa era la nostra unica colpa", Marsilio 2015
Alberto Mieli con Ester Mieli, “Eravamo ebrei. Questa era la nostra unica colpa”, Marsilio 2015

A cura della Redazione

«Non c’è ora del giorno o della notte in cui la mia mente non vada a ripensare alla vita nei campi, a quello che i miei occhi sono stati costretti a vedere».

Alberto Mieli, dopo settant’anni, racconta per la prima volta alla nipote Ester, nel libro “Eravamo ebrei. Questa era la nostra unica colpa”, la sua infernale esperienza da deportato nel campo di concentramento di Auschwitz.  Ricorda la vita in una Roma nazifascista, le leggi razziali e il giorno in cui è stato portato via dalle SS, dopo il tragico 16 ottobre 1943.

«Ad Auschwitz ho visto l’apice della cattiveria umana». Con queste parole Alberto Mieli racconta, con dolore, aneddoti e luoghi, parla delle torture subite.

Rivive, ancora con le lacrime agli occhi, l’arrivo nei campi, l’odore acre dei corpi che bruciavano nei forni crematori in funzione tutti i giorni. Parla del lavoro giornaliero e stremante, dei corpi senza vita ammassati gli uni sugli altri, della stanchezza e della fame continua e cieca che pativa, fame che ha portato alla pazzia e poi alla morte migliaia di deportati. Fame di cibo, di vita, di libertà.

Ridisegna volti di gente incontrata e poi persa, spiega come sia riuscito a convivere tutta una vita con questa doppia cicatrice: una alla gamba, causata da una granata lanciata dagli Alleati esplosagli troppo vicino e che a volte ancora sanguina, e una più grande nel cuore.

«Come ho fatto a tornare a casa vivo ancora oggi non lo so – dice Alberto-. Me lo chiese anche Papa Wojtyla quando ebbi l’onore di incontrarlo. Anche a lui risposi che solo il Signore ha la risposta a questa domanda».

_____________________

Alberto Mieli nasce a Roma il 22 dicembre 1925. Deportato e reduce del campo di concentramento di Auschwitz. Cacciato dalle scuole per le leggi razziali riceve nel dicembre 2015 dall’Università di Foggia la laurea honoris causa in Filologia, letterature e storia. Da anni incontra gli studenti delle scuole italiane e i giovani riconoscendo in loro i nuovi testimoni. Marito, padre, nonno e amorevole bisnonno. Sul braccio è marchiato indelebilmente con il numero: 180060.

Ester Mieli, classe ’76. Romana, giornalista e scrittrice si occupa di comunicazione. Nipote di Alberto Mieli, crede che l’orrore della Shoah debba essere d’insegnamento affinché tragedie del genere non avvengano ancora. Ai suoi due figli ama ripetere: «Siate curiosi di verità perché l’indifferenza è un’arma più potente dell’odio».