Magritte, Les Amants: il surrealismo in filosofia

Di LEONARDO CAFFO * Manlio Sgalambro, che non è solo il paroliere di Battiato, dice che alla compiutezza animale del Sé (che di nulla ha bisogno, come abbiamo discusso in precedenza), si contrappone l’autonomia dell’individuo/cittadino che insegue i propri bisogni. Nell’individuo (uomo sociale), sempre secondo il filosofo senza laurea, giace un autocompiacimento per i processi […]

Continua a leggere "Magritte, Les Amants: il surrealismo in filosofia"

La clientela mitografica di sebastian thrun nelle iperrealtà ipnomorfiche di Lidia Riviello

Di SONIA CAPOROSSI   Il turpe è il calore del superstite Lidia Riviello, Sonnologie, p. 50 i limiti del mio linguaggio sono i limiti del mio mondo Ludwig Wittgenstein   Nella giurisdizione deterritorializzata dei “supermercati onirici” colonizzati dal nostro subconscio di cui parla Emanuele Zinato nella postfazione all’ultimo libro di Lidia Riviello intitolato Sonnologie (Zona […]

Continua a leggere "La clientela mitografica di sebastian thrun nelle iperrealtà ipnomorfiche di Lidia Riviello"

Il futuro è l’inizio: un viaggio nella letteratura distonirica di Federico De Caroli

Di ROBERTO FRANCO  Affermato musicista, per quanto di culto, noto con lo pseudonimo di Deca, il poliedrico artista savonese Federico De Caroli ha sviluppato a partire dagli anni Ottanta una vena letteraria originale e inquietante che è rimasta un po’ in sordina rispetto alla sua produzione musicale; almeno fino alla pubblicazione dell’ultimo monumentale romanzo Il […]

Continua a leggere "Il futuro è l’inizio: un viaggio nella letteratura distonirica di Federico De Caroli"

Roman Jakobson, direttrice metaforica e direttrice metonimica del linguaggio

Di ALESSANDRO SICILIANO Nel saggio Due aspetti del linguaggio e due tipi di afasia Jakobson afferma che “l’atto linguistico implica la selezione di certe entità linguistiche e la loro combinazione in unità linguistiche maggiormente complesse” [1].  Per parlare in modo comprensibile l’individuo deve scegliere le parole, o meglio i significanti adatti ad esprimere il suo pensiero e combinarli in modo sintatticamente corretto. “Ma il […]

Continua a leggere "Roman Jakobson, direttrice metaforica e direttrice metonimica del linguaggio"

Jacques Lacan e Ferdinand De Saussure: la psicoanalisi del dopo Freud e lo strutturalismo linguistico

Di ALESSANDRO SICILIANO Nella vita psichica del singolo l’altro è regolarmente presente come modello, come oggetto, come soccorritore, come nemico, e pertanto, in quest’accezione più ampia ma indiscutibilmente legittima, la psicologia individuale è al tempo stesso, fin dall’inizio, psicologia sociale. Sigmund Freud, 1921 Nella psicoanalisi del dopo Freud, durante tutto il secolo scorso, si sono […]

Continua a leggere "Jacques Lacan e Ferdinand De Saussure: la psicoanalisi del dopo Freud e lo strutturalismo linguistico"

Il paese delle meraviglie: esposizione metaforico-teoretica di un vuoto imperante (Quarta Parte)

di JACOPO BONATO (con una foto di ANDREA SILVA) Alice si allontana in punta di piedi. Attraversa altri boschetti surreali ed infine seguendo un scia di fumo intravista da lontano incontra il Brucaliffo. Questo le sembra il personaggio più saggio, per quanto anche egli abbia le sue assurdità. Alice si rende conto che parte dei […]

Continua a leggere "Il paese delle meraviglie: esposizione metaforico-teoretica di un vuoto imperante (Quarta Parte)"

L’orrore fenomenologico di H. P. Lovecraft: il sogno e il nichilismo, il fascinans e il tremendum (Seconda Parte)

di LENI REMEDIOS Stupore metafisico ed orrore: fascinans e tremendum Nel romanzo breve (o racconto lungo) Alle montagne della follia, scritto nel 1931 e pubblicato successivamente [1], narrante l’avventura di un gruppo di scienziati nelle terre ancora inesplorate dell’Antartide, viene dispiegato a perfezione il ventaglio di temi che attraversano la produzione lovecraftiana:  geometrie ed architetture ciclopiche e “non […]

Continua a leggere "L’orrore fenomenologico di H. P. Lovecraft: il sogno e il nichilismo, il fascinans e il tremendum (Seconda Parte)"