Francesco Salvini, “Sulla segreteria”: nota critica di Sonia Caporossi e cinque poesie

Di SONIA CAPOROSSI * Il lavoro scrittorio di Francesco Salvini, nella silloge Sulla Segreteria, sembra possedere due anime differenti, scandite come figurazioni diversificate di un medesimo panorama poetico dalle sezioni interne al testo. Nell’immediatezza di descrizioni naturalistiche che non sembrano mai scontate, ancorché rivissute alla luce di un metadescrittivismo di fondo che non disdegna il […]

Continua a leggere "Francesco Salvini, “Sulla segreteria”: nota critica di Sonia Caporossi e cinque poesie"

Roberto Ariagno, “Disarmare il nome” (Italic 2016): nota critica di Sonia Caporossi e cinque poesie

Di SONIA CAPOROSSI * Sembra imprescindibile, per penetrare la poesia di Roberto Ariagno, tentare di spiegare il significato recondito del titolo della sua ultima silloge poetica “Disarmare il nome”. Quand’è che il nome sostantivo come primum del discorso monolitico, o anche il nomen adjectivum come strascico di sememi aggiunti alla pregnanza frasale del verso, depone […]

Continua a leggere "Roberto Ariagno, “Disarmare il nome” (Italic 2016): nota critica di Sonia Caporossi e cinque poesie"

Lella De Marchi, “Paesaggio con Ossa”: nota critica di Sonia Caporossi e tre poesie

Di SONIA CAPOROSSI * Nell’insulsa e fuorviante dicotomia tra poesia lirica e poesia di ricerca oggi in uso prevalente, Paesaggio con Ossa di Lella De Marchi emerge come un lucido e sensato tentativo di superamento dei generi poetici e letterari in senso lato. L’occasione della scrittura è l’incontro reale con Malina, un essere umano in […]

Continua a leggere "Lella De Marchi, “Paesaggio con Ossa”: nota critica di Sonia Caporossi e tre poesie"