Gli spazi mobili della poesia #2: Roberto Batisti, “Qualche perplessità”

Di ROBERTO BATISTI * 3 marzo 2017 Può darsi che accingermi a scrivere queste righe sia un atto un po’ incosciente e antipatico. È ipocrita criticare alcuni aspetti del poetry slam quando si frequentano persone molto attive in quel mondo, e quando – sia pure sporadicamente – si è partecipato a diverse di queste competizioni? […]

Continua a leggere "Gli spazi mobili della poesia #2: Roberto Batisti, “Qualche perplessità”"

Gli spazi mobili della poesia #1: Alessandro Mantovani, “Carta d’identità”

Avviamo oggi, e in seguito di martedì con cadenza settimanale, la ripubblicazione integrale degli interventi critici successivi al primo convegno indetto dal gruppo di lavoro dei Mitilanti a La Spezia nel febbraio 2017 intitolato Gli spazi mobili della poesia. Gli interventi sono occorsi a puntate su Midnight Magazine, esperienza redazionale collettiva che non esiste più; […]

Continua a leggere "Gli spazi mobili della poesia #1: Alessandro Mantovani, “Carta d’identità”"

Al via il festival “L’anno che verrà – i libri che leggeremo” – III edizione

Di GRETA MESSORI Dal 25 al 27 ottobre 2019 a Pistoia tornerà, per la sua terza edizione, il Festival “L’anno che verrà: i libri che leggeremo”: la rassegna dedicata all’anticipazione delle uscite letterarie in programma nei prossimi mesi e nel 2020, raccontate dagli autori e dagli editor delle più importanti case editrici italiane. Un festival […]

Continua a leggere "Al via il festival “L’anno che verrà – i libri che leggeremo” – III edizione"

Oltre i generi letterari e sessuali in barba al profeta Mani: il caso Vivinetto

Di SONIA CAPOROSSI * In fondo, il problema del critico letterario ultracontemporaneo nell’atto di definire i fatti d’arte, di letteratura e di poesia è quello di evitare nel migliore dei modi l’errore di Anselmo d’Aosta, ovvero pensare di fornire una definizione ontologica di un quid come un’opera letteraria, oggetto che di per sé rientra al massimo nella […]

Continua a leggere "Oltre i generi letterari e sessuali in barba al profeta Mani: il caso Vivinetto"