Vladimir D’Amora: Moltitudine è la (nuova) soggettività politica oggi?

Di VLADIMIR D’AMORA su una specie della moltitudine Moltitudine: è la (nuova) soggettività politica: oggi? E’ quel soggetto-(politico)-fatto-del suo stesso processo, del suo stesso farsi: senza che nessuna sua identificazione rappresentativa riesca a esaurirlo: mentre tutto congiura si dispone e sempre s’istituisce e si monta a istituirsi perché bloccata sia ogni processualità-sostanziale: una moltitudinaria sostantività-dinamica? […]

Continua a leggere "Vladimir D’Amora: Moltitudine è la (nuova) soggettività politica oggi?"

Giorgio Agamben, “Perché non ho firmato l’appello sullo ius soli”

Di GIORGIO AGAMBEN * A quanto pare, benché io abbia dichiarato espressamente che non intendevo firmare l’appello sullo ius soli, il mio nome vi è stato in qualche modo illegittimamente inserito. Le ragioni del mio rifiuto non riguardano ovviamente il problema sociale ed economico della condizione dei migranti, di cui comprendo tutta l’importanza e l’urgenza, […]

Continua a leggere "Giorgio Agamben, “Perché non ho firmato l’appello sullo ius soli”"

Giornata Mondiale del Rifugiato: “Storia di Ba” a Reggio Emilia il 20 giugno

A cura della REDAZIONE La narrazione della Storia di Ba aprirà l’iniziativa “Da accolti a cittadini. I rifugiati e la comunità interculturale”. Protagonisti Ezekiel Ebhodaghe, Djibril Cheickna Dembelè e l’autrice Annamaria Gozzi: è la nuova tappa del progetto Argonauti, vincitore del bando MigrArti 2017 del MiBACT. «Le parole con troppo fuoco portano collera, quelle piene […]

Continua a leggere "Giornata Mondiale del Rifugiato: “Storia di Ba” a Reggio Emilia il 20 giugno"

“Questo è il mio nome”, spettacolo di attori rifugiati e richiedenti asilo ad Ascoli Piceno

A cura della REDAZIONE Questo è il mio nome sarà in scena a Ascoli Piceno nella cornice della quinta edizione del Festival, concreto sostegno ai territori colpiti dal terremoto. È la nuova tappa del Progetto Argonauti, realizzato grazie alla vittoria del bando MigrArti 2017 del MiBACT. «Una finestra aperta su storie invisibili, un orecchio rovesciato […]

Continua a leggere "“Questo è il mio nome”, spettacolo di attori rifugiati e richiedenti asilo ad Ascoli Piceno"

Le pretese dei clandestini, ovvero della corda che si sta spezzando

Di FRANCESCO GALLINA * Acquisto frutta e verdura da un egiziano. Mi sono affidato a un medico di origini centrafricane per curare un problema di salute particolarmente grave. Un curriculum invidiabile. Quando bevevo il latte (ne sono diventato allergico), sapevo e so perfettamente che è stato estratto da una mungitrice azionata da un indiano. Come […]

Continua a leggere "Le pretese dei clandestini, ovvero della corda che si sta spezzando"