Le parole per ricucire l’esperienza: “Una perfetta vicinanza” di Fabio Ciriachi (Coazinzola Press 2017)

Di MARIA GRAZIA TONETTO Se Uomini che si voltano (Coazinzola Press, 2014) esplorava il soggetto in quanto parte della storia del Sessantotto e del suo lascito, il romanzo di Fabio Ciriachi Una perfetta vicinanza esplora l’universo ultraprivato dei legami amorosi sullo sfondo delle pubbliche relazioni messe in gioco da Facebook e dai media. Lettere, sms, […]

Continua a leggere "Le parole per ricucire l’esperienza: “Una perfetta vicinanza” di Fabio Ciriachi (Coazinzola Press 2017)"

Amurusanza, o la sconosciuta necessità della poesia. Una recensione di Fabio Ciriachi

Di FABIO CIRIACHI Il libro di Rino Cavasino Amurusanza, edito dalla Coazinzola Press nella collana “Poe(re)sie”, è un’opera riccamente composita che esige di essere attraversata con attenzione e disponibilità di tempo, per le molte riletture a cui si presta il suo stratificato amalgama di segni. La prima parte è una notevole raccolta di poesie – […]

Continua a leggere "Amurusanza, o la sconosciuta necessità della poesia. Una recensione di Fabio Ciriachi"

Scrivere male. Noterelle sulla lingua di “Neve, cane, piede” (Morandini) e di “Né in cielo né in terra” (Morelli)

Di FABIO CIRIACHI   A pagina 21 de Il peso del mondo (Guanda, 1981, traduzione di Raoul Precht) Peter Handke scrive: “Appendere davanti a casa mia un cartello con l’ammonimento: “Attenzione, in questa casa si legge!”. Il monito mi è tornato in mente quando ho scoperto che una collana della casa editrice romana Exorma si […]

Continua a leggere "Scrivere male. Noterelle sulla lingua di “Neve, cane, piede” (Morandini) e di “Né in cielo né in terra” (Morelli)"

Raffaella D’Elia, “Come le stelle fisse” (Empiria 2014): una recensione di Fabio Ciriachi

  Di FABIO CIRIACHI Il dibattito in corso sullo stato del romanzo ha nell’antagonismo trama/forma uno dei suoi snodi fondamentali. Il prevalere in modo schiacciante delle ragioni della trama su quelle della forma (inclusa la corte imbarazzante che la maggior parte delle trame fanno al cinema, inteso come utilizzatore finale del testo) è forse la […]

Continua a leggere "Raffaella D’Elia, “Come le stelle fisse” (Empiria 2014): una recensione di Fabio Ciriachi"

Tempo letto e tempo vissuto nelle pieghe di un romanzo a racconti. Recensione a “Uomini che si voltano” di Fabio Ciriachi

Di MARTA ALBA ANCONA Fra le molte qualità di Uomini che si voltano (Coazinzola Press, 2015) di Fabio Ciriachi, merita che ci si soffermi soprattutto sulla sua particolare resa del tempo. Gli otto racconti del romanzo infatti – che ordinati cronologicamente dalla fine del 1969 ai primi del 2000, scandiscono la narrazione in altrettanti capitoli, dotati […]

Continua a leggere "Tempo letto e tempo vissuto nelle pieghe di un romanzo a racconti. Recensione a “Uomini che si voltano” di Fabio Ciriachi"

Stelle spente. La poesia di Alessandro Ricci in una nota critica di Fabio Ciriachi

Di FABIO CIRIACHI La vicenda poetica di Alessandro Ricci (1943-2004) si articola, a tutt’oggi, in cinque raccolte disposte con perfetta simmetria su quei versanti contrapposti dell’essere nel mondo cui fa da discrimine il momento della morte. A Le segnalazioni mediante i fuochi (Piovan, 1985) e Indagini sul crollo (Edizioni del Leone, 1989), pubblicati in vita, […]

Continua a leggere "Stelle spente. La poesia di Alessandro Ricci in una nota critica di Fabio Ciriachi"

Camminare nel mondo in punta di piedi. La Scrittura Mobile di Giorgio Messori e la sua Ricerca del Paese Lontano

Di FABIO CIRIACHI  (Il presente articolo è la trascrizione dell’intervento di Fabio Ciriachi su Giorgio Messori al convegno tenutosi su di lui nel 2010 presso l’Università La Sapienza di Roma) La mia testimonianza sarà anche un’autocritica. Non era previsto che così fosse, ma è accaduto, e come tale la riporto. Leggendo Storie invisibili e altri racconti col […]

Continua a leggere "Camminare nel mondo in punta di piedi. La Scrittura Mobile di Giorgio Messori e la sua Ricerca del Paese Lontano"