I piccoli editori molto presto scompariranno

Di CLAUDIA ZIRONI

Non occorre fare gli scongiuri, non si tratta di un qualche rito voodoo né è la scrivente a lanciarvi il malocchio: cari piccoli editori, il mercato e la tecnologia stanno decretando la vostra estinzione, come già hanno decretato quella di altre categorie di lavoratori e di professionisti.

Ridete pure e maleditemi, e datemi della scema visionaria-  come fece qualcuno ventidue o ventitre anni fa, quando andai a dirgli che avevo assistito alla presentazione di una bellissima invenzione chiamata Internet e che avremmo dovuto immediatamene attivarci per adottare il sistema internet + email perche’ ci avrebbe portato grande risparmio di carta, di costi fissi e di tempo, guadagnando nella tempestività delle comunicazioni. Mi venne risposto: “internet non ha futuro”.

O ridete di me come fecero quella volta, più di quindici anni fa – forse diciotto, che proposi di creare un sito per la vendita on line e mi fu risposto che era ingestibile e che avrebbe creato inutili turbative del mercato “vero”.

Qualcuno ha riso di me anche quando all’Università ho scelto di studiare il cinese, quando ho fatto uno dei primi master italiani, quando ho aperto un conto con una delle prime banche online, o, di recente, quando ho fondato Versante ripido, e qualcuno ha riso recentissimamente quando ho pubblicato un libro, poi un altro, su KDP.

Il mio secondo nome potrebbe essere Cassandra.

C’è sempre qualcuno che ride… e qualcuno che scompare.

E’ evidente ormai da anni il processo di concentrazione che sta interessando i mercati economici ed è chiaro come Amazon abbia intenzione – nel breve periodo – di appropriarsi delle quote di mercato di tutti i piccoli-medi player del non-food, incluso il settore dell’editoria. In molti paesi è il top-retailer e nel mondo uno dei primi con circa 200 miliardi di dollari di fatturato, cresciuto in maniera esponenziale in pochi anni.

Piccoli editori, pensate davvero che continuando a fare gli stampatori e poco altro, a vendere favori nelle vostre piccole aree di influenza, a smerciare risibili numeri di copie all’interno delle vostre congreghe di fedelissimi, quando i fedelissimi si renderanno conto della convenienza, non vi gireranno le spalle?

Stampe di buona qualità in almeno dieci formati disponibili, velocità di pubblicazione sia in formato elettronico che in cartaceo, vendita in tutto il mondo, prezzo di copertina stabilito dall’autore e riparametrato in automatico, rendicontazione delle vendite minuto per minuto, alte royalties accreditate con regolarità, adempimenti fiscali semplificati dai rendiconti, possibilità di aderire a piani pubblicitari, nessun obbligo di acquisto, nessun contributo di pubblicazione, possibilità per l’autore di acquistare le copie al costo, possibilità di mandarle ovunque in pochi giorni…

Questa è Amazon!

E non mi dite che voi siete etici e trattate bene i lavoratori e non sfruttate nessuno. I primi che sfruttate sono proprio gli autori che, oltretutto, usate spesso e volentieri anche come promotori editoriali, curatori di collana, fattorini, ecc… in regime di volontariato, dunque a gratis (o peggio)!

Piccoli editori, qui o si cambia o si muore!…ma cambiare in bene non è facile e richiede un grande investimento in cultura, competenza, managerialità, innovazione, apertura, serietà, rispetto, marketing, organizzazione, relazioni.

Annunci

2 pensieri riguardo “I piccoli editori molto presto scompariranno

  1. Purtroppo condivido l’analisi, Claudia. Dico purtroppo perché considero questo processo di progressivo accentramento, ancorché irreversibile, destabilizzante in prospettiva.
    Destabilizzante di usi e costumi, destabilizzante del mondo della produzione e dei rapporti di lavoro, destabilizzante anche dal punto di vista geopolitico. Temo che quando, fra non molti anni, il processo sarà in gran parte compiuto, poche grandi imprese avranno il controllo di miliardi di uomini, dei loro gusti, dei loro modelli di comportamento, della loro miseria, delle loro patrie, della loro scienza e tecnologia, dei loro saperi, dei loro pensieri persino.
    Poche grandi multinazionali, cioè poche migliaia di super magnati, saranno i padroni del mondo. Si realizzerà l’idea ‘folle’ che da piccoli leggevamo soltanto nei fumetti. Spero davvero di avere scritto sciocchezze, di sbagliarmi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...