Per le strade di Parigi e più a nord

Foto di Silvia Castellani
Foto di Silvia Castellani

Di SILVIA CASTELLANI

Mi porterò dietro, nella mente, di questo viaggio a Parigi e più a nord, la bambina che alla stazione voleva il mio ombrello rosso, il vecchio marinaio che non si rassegnava a non esser più tale, nonostante il mondo scorresse veloce accanto a lui e i tempi si fossero evoluti a tal punto da non vederlo più. Mi porterò il suonatore di arpa nella chiesa, che vendeva le proprie canzoni ai turisti e suonava come fosse la cosa più seria del mondo. Mi porterò le due anziane sorelle o amanti, chi lo sa, vestite da ragazze alla moda, con le borse uguali a tracolla, camminare per le strade grandi; e i settanta euro spesi in cioccolata, il mini-barbecue a forma di mappamondo e le foto dove vengo male, malissimo. NONOSTANTE MI SFORZI DI ADATTARE LA MIA FACCIA A UN’IMMAGINE CHE DURI . Di questo andare mi porterò il fatto che a Parigi un croissant non lo trovi di certo appena uscita dall’albergo e magari devi camminare due chilometri prima di incontrarlo, così succede che ti rassegni e vai da Starbucks dove sei tentato di mangiare un donut, PERO’ ALLA FINE LASCI TUTTI QUEI COLORI ALLA VETRINA che lo sai che è meglio stiano lì, più che nel tuo stomaco. Mi porterò di tutto questo viaggio quel meraviglioso perdersi per le strade di Parigi sorvegliata a vista dalla torre Eiffel cercando di fotografarla sempre, di rubarla con te sotto o senza, amore, che tanto è uguale. Anche se non sei riuscita a salirci e a guardare giù, perché la fila era lunga lunghissima e avresti rischiato di perdere la stabilità mentale a seguirla. E le bolle di sapone fatte con i fili, allontanarsi su dal secchio, e gli artisti d’occasione fatti con lo stampo, come quell’arte più moderna fatta con distacco. E le frasi dette al vento, e fra i denti, perché nessuno le potesse ascoltare. Mi porterò nel cuore quel perdersi nell’oblio di un posto bello, dove vivere sembra difficile, dove tutto è sconosciuto e tu per prima a te stessa, e non importa quale sarà il prossimo imprevisto, perché sulla metropolitana per forza devi salirci, se vuoi perdere l’orientamento. Mi porterò la pancia gonfia, le tasche vuote e il fare finta di riuscire a farcela sempre, a camminare, nonostante tutto faccia credere il contrario, soprattutto le gambe, che non vogliono più seguirti. Mi porterò tutte le persone così diverse, di tante etnie, che ho visto così perfettamente parigine che a un certo punto mi sono detta: va a finire che in questa città non ci sono nemmeno i piccioni nelle piazze. E invece quelli ci sono sempre e sempre grassi, pronti a planare sulla briciola ribelle che abbandona il tuo panino.

Foto di Silvia Castellani
Foto di Silvia Castellani

LA STATUA DELLA LIBERTÀ, anche quella mi porto dietro; era nel posto sbagliato e la signora seduta accanto mi raccontava di venire dall’America, MA NON NEW YORK, NO CALIFORNIA, I came from Kentucky. LÌ CI SONO MANY HORSES. I gargoyles no, non li ho visti e la mia stanza era al settimo piano affacciata sul cimitero di Montmartre con tutte quelle fresche lapidi in bella vista. Che vista da lassù! E quanta vita. La Dolce Vita ovunque e tanto di quell’oro da rimanere senza fiato. I mulini, non solo quello rosso in una via ormai tanto battuta da far sorridere anche i più scettici, anche quelli che una volta a Pigalle avrebbero passato guai seri. Scarpe messe a stendere come in tutte le città universitarie del mondo, un allucinato davanti a un organetto. Mi porterò del Belgio le casette di marzapane e la pioggia persistente ad agosto, l’Atomium e il giro del mondo che si è fermato al Nettuno, la reliquia di Bruges o Brucas come la chiama la tipa argentina, che non ho neanche capito cosa fosse, ma ci ho messo la mano sopra e so che mi guarirà da tutte le malattie. La Madonna col bambino di Michelangelo e bestemming Eupen fino a un castello rosso che continuavo a fotografare senza accorgermene. Mi porterò l’allontanamento da questo computer e da facebook e la sensazione che Dalì ci aveva visto giusto nella definizione de LA METHODE PARANOIAQUE CRITIQUE. Non ho visto il Louvre, non ho camminato per i Campi Elisi, il Sacro Cuore l’ho apprezzato poco e male per mancanza di tempo e la Senna l’ho notata da lontano come pure da lontano ho avvertito il respiro di Renoir. Perciò, Parigi, arrivederci a presto. Doris Lessing scriveva: “è terribile fare finta che sia di prima qualità ciò che è di seconda. Fare finta di non aver bisogno d’amore quando ce l’hai. O che ti piace il tuo lavoro, quando sai che sei capacissimo di fare ben altro”.

Foto di Silvia Castellani
Foto di Silvia Castellani
Annunci

Un pensiero riguardo “Per le strade di Parigi e più a nord

  1. Sono stato per la prima volta a Parigi quando ancora si poteva salire sulla Torre Eiffel, perché forse i turisti erano meno numerosi. Avevo fatto varie foto, ma non eccezionali. Nel mio secondo viaggio, qualche anno dopo, ho provato a fare una specie di giro di Francia in auto. Avevo sempre la mia vecchia Rolleiflex, ma arrivato a Etretrat da Parigi, mentre tentavo di fotografare, immerso nel vento, i colori cupi di un pomeriggio tempestoso, la mia macchina fotografica si è inceppata e mi ha abbandonato. Per cui niente foto della Normandia, né della Bretagna, e così pure di Nantes, Bordeaux, Biarritz. Mi fa ancora rabbia, se ci penso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...