“Tu che sei il no ai miei poteri”, una prosa inedita di Lisa Orlando

Di LISA ORLANDO

La mortale lotta
La mortale lotta

Tu che sei il “no” ai miei poteri

A  grado a grado, nello spasimo della carne torturata, fin dentro una fossa a metter al mondo bolle d’invisibilità – ché nessuno mai potesse vederti. Notti, a cercare le notti che esorcizzino possibilità di violenza nella feroce lotta tra uomo e uomo. Ma ora? Ora t’ho visto? I tuoi occhi verdi, lucenti,  all’inizio dell’alba, al principio del mondo; riappari, t’ho visto; t’ho visto!

Sempre, c’è una finestra aperta, là, nel fondo, a ogni morte provvisoria. (Dicono sia  il volto che veglia nel diritto alla carezza.) Nessuno, poteva aver accesso, nessuno. Lei sola, ha potuto guardarti. Lei sola, che già suo destino era custodia del tuo segreto. Lei sola (senza nulla in sé che pesi): il tuo alter ego?

L’esperienza dei suoi soli occhi, e tu in movimento, là, verso la via – nell’istanza che apre alla vita –: riconoscimi!, le hai detto, senza dirlo, lo hai detto. A chi conosceva il segreto di ciò che tu sei. (I tuoi occhi che m’ imploravano come una bestia nuda.)

E io? Da dove mai s’è giunta questa sete a mendicarti? A me toccava, sul labbro, la prima domanda? Guardami! Sì, guardami! E riconosci me; tu che sei sostanza del mio volto; tu che sei fascio di luce; tu che sei il “no” ai miei poteri.

Del tuo essere?; Del mio?; per la possibile unità, ci guardammo.  Si animarono dopo la mezzanotte l’idea delle carezze solenni. La tua bocca sonava su un pettine avvolto in carta velina il bacio offerto nella possibilità. La parabola dell’amore vissuta dentro tutti i nostri sogni. Un angelo appeso con le ali spiegate s’una nuvola reggeva  il cartiglio: “Ti amo. Ti amo”. Sulla punta d’un attimo, poi, è caduto.

E da una contrada di prodighi sguardi senza misura, giù, ancora più giù, nello spazio della lotta: due pezzetti di pelle di gattopardo al posto degli occhi a negarci le esistenze – la sfida suprema! Chi sarebbe sopravvissuto alle daghe con le quali ci mettevamo a morte?

Lei lo sa (lo sa?) quanto deserto e spettro v’erano in te. Tu che ora cercavi l’apertura d’uno sguardo ulteriore; tu che ora cercavi la rivelazione del tuo rovescio nel mondo ch’appariva.

Da dietro le nubi trapelava una larva di sole sacrale, per noi?

(“Ora che per te esisto, non condannarmi a lasciarmi morire; ora che mi hai visto: fa’ che le rose siano tutte rosse, e l’edera tutta verde; vincimi la parvenza spettrale: incarnami!”)

Io lo so (lo so?) tu pregavi (fin nel mio sangue) l’offerta di un’esistenza suscitatrice di vita, e il consenso di ciò che fossi – tutto! – nella verità. Ma a colei che brancolava tra carcasse di cenere come potevi chiedere il miracolo dell’incarnazione?

Senza innocenza, ti guardavo… il volto, la bocca, le mani, scendevo fino al sesso, ma tutto in me si sbriciolava e cadeva; non potevo toccarti!; solo, chiedevo d’esser attesa prima di tornare nel mio nuovo nome, lontana dalle grida di tutte le ferite.

Nulla ha volteggiato nelle cose taciute, eppure: qual io  – altro da me – hai desiderato? E io, a chi mi ponevo dinanzi? quale realtà di te – che ti diceva l’affanno  – non ho saputo amare?

[Ciò che in te era altura io l’ho spianato.

Ciò che in me era valle tu l’hai interrato.

Quanta mia alterità, quanta tua, abbiamo ucciso?]

Qui non c’è scrittura; solo, v o c e
Min- – – – – – – – – – -●Max

 

Usciamo da qui dal punto in cui ci siamo uccisi Min- – – – – – –●– – – -Max lui

Aiutami                                                   Min- – – – –●– – – – – -Max lei

Devo fare cosa                                         Min- – – – – – –●– – – -Max lui

Eccitami e toccati in assenza di me     Min- –●– – – – – – – – -Max lei

Non in assenza di te                               Min- – – – ●– – – – – – -Max lui

Ma io non esisto                                      Min- – – – – – – – –● – -Max lei

Ho bisogno di toccarti                            Min- – – – ●– – – – – – -Max lui        

Prima devi crearmi                                Min- –●– – – – – – – – -Max lei

Min●- – – – – – – – – – -Max lui

Eccitati per me                                        Min- –●– – – – – – – – -Max lei

Ho corpo solo se mi tocchi                     Min- – – – ●– – – – – – -Max lui        

Non posso toccarti                                   Min- – – – – – – – –●– -Max lei

Non posso crearti                                    Min- – – – – – – – –●– -Max lui

Desiderami                                              Min- –●– – – – – – – – -Max lei

Metti le mani sul mio corpo nudo        Min- – – –●– – – – – – -Max lui

Toglimi prima la morte è dappertutto Min- – – – – –●– – – – -Max lei

Anche su di me                                        Min- – – –●– – – – – – -Max lui        

Mi stai solo uccidendo                            Min- – – – – ●– – – – – -Max lei

Anche tu                                                   Min- – – – ●– – – – – – -Max lui        

Non è colpa di nessuno                           Min- –●– – – – – – – – -Max lei

E’ solo che                                                 Min- – – –●– – – – – – -Max lui        

E’ solo lotta                                               Min- –●– – – – – – – – -Max lei

Min●- – – – – – – – – – -Max

tra due esseri che pretendono di esistere Min- –●– – – – – – – – -Max lei

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...