La funzione postmoderna dell’arte, Io scrivo I-II-III-IV, In bus: sei poesie sulla poesia. Di Sonia Caporossi

Sonia Caporossi, "3 Gennaio 2013, Tramonto", 2013
Sonia Caporossi, “3 Gennaio 2013, Tramonto”, 2013

Di SONIA CAPOROSSI

 

La funzione postmoderna dell’arte

 

Poesia è conforto di un istante

Mentre tutto intorno giace rattrappito

Esalando promesse al futuro nevercome

Le estranianti sinottrie di un impegno da seguire

Ecco l’uomo nudo, lapidato

Pietre segniche che schizzano dal suo cranio scoperchiato

Gli ricadono sfinite noncuranti tutte addosso

Lapilli masnadieri dal vulcano informe della sua coscienza

Poeta, un transgender della sua follia

Giordano Bruno ridotto al lumicino

Senza più alchimie da sovvertire

Né formule elitarie da occultare

Nella tasca segreta delle sue mutande

Poesia è il vomito di un istante

L’alleggerirsi scabro di succhi gastroenterici

Un dito immerso nell’egolatria

Della Musa di turno,

nei suoi affreschi vaginali.

 

(10/02/2002)

 

Io scrivo

 

… E l’impegno di portarmi sempre

questo calvario addosso

questa fellatio esausta delle mie pagine bianche

alla punta fallocentrica polipale

– venature d’inchiostro erette a filo d’aria –

del mio cosmico, sfottuto, bastardissimo EGO.

 

(10/02/2002)

 

Io scrivo II

 

I miei versi a colori

Deep blur emozionale a schizzi viola

Trasgressioni cromatiche tinte di vita

Innocenti espressioni di una cruda varietà

Forme vuote nel segno di Dio

Infisse come stelle cieche nell’orbe del mio cielo

Racimolate sulle sei facce del dado

S’avvicendano mentali, una pigra ipocrisia

Guardando dal di sotto la realtà meno che umana

Come ancelle di una mano priva di divinazione

Che il futuro qui non trova, bensì crea e non distrugge.

 

(11/02/2002)

 

Io scrivo III

 

Noi poeti

Villeggianti di opinioni

Fatichiamo a riconoscerci per strada

Ruttiamo versi stanchi sulla tavola imbandita

Della nostra vilipesa umanità

Mentre

Feroci crocicchi di pensieri avversari

Si scontrano e si incontrano nelle pagine interiori

Col taccuino scoperchiato sulla tazza del cesso

Come adesso mentre penso, parlo, respiro e scrivo.

 

(11/02/2002)

 

Io scrivo IV

 

Invenzione

È un respiro ritrovato

Nel coraggio dell’ignavia

Tra pensieri palombari

Incagliati nell’apnea.

 

(11/02/2002)

 

In Bus

 

Ripetimelo tu che cos’è un uomo

La cruda essenza dell’essere invoca l’apparire

Un vacuo femminino mi assiste incuriosito

Mentre getto sul foglio le mie perplessità

Che cosa è la poesia, necrosi di un istante

Una scabra pellicola di sangue ormai rappreso

Si stacca come una membrana rilassata e inflaccidita

Rimane solo il caldo che di umano non ha nulla

Nella chiusura asfittica di un antro d’ospedale.

 

(Autunno 2005)

 

Annunci

14 pensieri riguardo “La funzione postmoderna dell’arte, Io scrivo I-II-III-IV, In bus: sei poesie sulla poesia. Di Sonia Caporossi

  1. “Dell’elogia del sentirsi liberi e liberi di fare poesia” di Cony Ray

    I versi di “Sei poesie sulla Poesia” di Sonia Caporossi sono un’elogio alla libertà di pensiero come di fare poesia.
    Già questo è il punto: ossia come comunicare la condizione di un poeta nell’era “postmoderna”, la sua ragion di essere nella società attuale, i suoi sentimenti, le sue sconfitte, le riflessioni interminabili di un suo “spleen” sentendosi – seppur prigioniero della sua condizione – davvero libero e di poter suscitare così altrettanto negli altri, come altri interrogativi ancora?
    Ecco, allora, che il foglio di carta si fa prateria, la lettura come l’ascolto del prossimo nostro – poichè il poeta, Sonia Caporossi ci sta parlando nel tentativo “estremo” di poter avere un dialogo con noi – è l’Ovest da conquistare pacificamente, ma con decisione come quando si tira un cazzotto allo stomaco (metaforicamente parlando).
    Sonia Caporossi ci mette all’angolo già dalla prima ripresa/dai primi versi.
    E lei è dotata della forza poetica di un Léo Ferré in “La Solitude” o di “Préface”, erede inconsapevole – ai nostri Tempi oscuri – di Sylvia Plath finanche di una Anne Sexton, a ricordarci – come recitano i suoi versi in “La funzione postmoderna dell’arte” – che il Poeta è:

    “… un transgender della sua follia
    Giordano Bruno ridotto al lumicino
    Senza più alchimie da sovvertire
    Né formule elitarie da occultare
    Nella tasca segreta delle sue mutande”.

    E ancora – in “Io scrivo” IV – Sonia Caporossi ci dona, come per altri “versi”, la sua visione del concepire Poesia – come da un ventre non più schiavo della sua funzione – che si fa poi:

    ” Invenzione
    È un respiro ritrovato
    Nel coraggio dell’ignavia
    Tra pensieri palombari
    Incagliati nell’apnea.”

    Recensione di Cony Ray © Gennaio 2013

    Cony Ray, poeta, performer e editore indipendente, è tra i poeti protagonisti del documentario POETI (Italia 2009) di Toni D’Angelo. Il documentario ha concorso, per la sezione Controcampo Italiano, alla 66° Mostra Int.le d’Arte Cinematografica – Biennale di Venezia.

    1. Il post-moderno, Giuseppe, contempla anche riflessioni sull’uso delle maiuscole e delle minuscole e sull’uso dei puntini di sospensione, che di regola dovrebbero essere … tre. Molto bella In bus.

    1. Grazie, Silvia. L’ho scritta davvero in bus. Ero in piedi, e un’anziana donna, che mi diede un’impressione di straniante estraneità, davanti a me sbirciava sul mio taccuino. Si sudava.
      Sonia Caporossi

  2. Molto forti queste poesie di Sonia che danno del poeta un’immagine altrettanto forte, un’immagine che esce dagli schemi e dagli stereotipi di chi non frequenta poeti e tanto meno la poesia. E che, in verità, spesso hanno anche i poeti stessi. Mi sembra di poter dire che Sonia ridà corpo al fare poesia, corpo e materia considerandola a 360°, nei suoi aspetti alti e in quelli bassi e mettendo anzi in evidenza come questi siano in effetti strettamente legati uno all’altro, senza quasi poterli distinguere, annullando il dualismo corpo/anima o perlomeno riconsiderandolo sotto nuovi aspetti. Davvero molto interessante. Grazie. Un caro saluto. Lucianna Argentino

  3. Sono le prime poesie che “incontro” di Sonia Caporossi. Leggo la data di “costruzione”: è passato un po’ di tempo, le avrà messe in rete per un suo nuovo bisogno, forse. Sono appunti soggettivi sulla figura del poeta e sull’esperienza della poesia, aspri e combattivi. E’ una resa estetica di potenza, non la manda a dire per moderazioni o lusinghe, si è come leoni pronti a vincere nell’arena del gladiatori. Io scrivo\ i miei versi sono a colori\ho la realtà da narrare\non fatemi perdere tempo.

  4. Eccomi Sonia: mi sono preso, come promesso, un po’ di tempo per rileggere, pensare e mettere giù qualcosa di non troppo casuale. Ho trovato queste tue poesie direttissime nel modo e per niente scontata nei contenuti. Usi un registro certamente aggressivo, debordante, che oscilla tra un lessico ricercato e uno basso quando non volgare – e che però a volte mi respinge perché lo trovo eccessivo senza essere per forza sempre efficace (ad es. “poesia è il vomito di un istante”). Ma in questo cozzo – che solo in alcuni punti scade, a mio parere, in una sorta di “sfogo intellettuale”, allacciando le viscere a preoccupazioni da specialista: comunque più o meno le stesse che, scrivendo, potrei avere io – quello che mi piace è che questa rabbia si rivolge contro il suo oggetto, vede la poesia come insufficiente o come vizio (conforto e necrosi) anziché perpetrare tutte le storielle che la vorrebbero redentrice… e c’è da dire che anche l’andamento dei versi ‘a colata’ è efficace nel j’accuse del modo. Ti preferisco quando ‘limi’ di più, perché i versi si imprimono più naturalmente, mentre le acrobazie lessicali forse andrebbero limitate (per tenerle come punti focali del discorso) o esautorate da un uso ancora più insistito e spregiudicato. Ad esempio, l’incipit della seconda poesia (“… E l’impegno di portarmi sempre / questo calvario addosso”) è tra le cose più felici che ho letto negli ultimi tempi (forse perché sono un lirico inguaribile, e quindi quando la persona poetica esperisce oltre che enunciare, mi è più vicina). Insomma, la mia perplessità è su certo lessico e su certa struttura del tutto (l’elencazione, il bisogno di definire un concetto – vuoi poeta, vuoi poesia – tramite catene di immagini associate, di per sé una strategia un po’ logorata dall’uso di altri), ma l’urgenza e i temi sono certamente sentiti e personali: è una poesia che comunque genera una reazione, non è un cammeo come se ne fanno tanti oggi. C’è anche da dire che hanno quasi tutte un decennio, e nel frattempo il tuo scrivere sarà certamente cambiato: e infatti nell’ultima poesia, di tre anni più recente, questi “problemi” che ho confusamente cercato di enunciare sembrano risolti quasi tutti (tranne che mi piacerebbe un discorso internamente più variato: sia narrativo sia lirico sia riflessivo, ma questa è una mia fissa che mi fa storcere il naso se i testi non sono abbastanza ibridati, cioè se eccedono in un modo o nell’altro – il modo, che sia sperimentalismo spinto o tradizionalismo neomelodico, ha di per sé meno importanza delle vibrazioni interne, degli scarti.

    1. Ti ringrazio della recensione vera e propria che t’è venuta fuori, Davide. In effetti si tratta di un polittico con componimenti di lessico espressamente materico e cortocircuito strutturale voluto che ho intrapreso in un periodo sperimentale nel 2002, tranne l’ultima che risale a tre anni dopo.
      Normalmente, la mia poesia s’informa in percorsi comunicativi più astraenti, ma a tratti lirici, per quanto possa esser lirica la poesia filosofica al cui magrissimo e vilipeso filone mi sento di appartenere.
      Ecco quale novità hai percepito al suo interno, una cosa che esula sia dal lirismo che dall’oggettivismo in voga oggi. E’ un percorso in evoluzione, più che decennale.
      Probabilmente posterò più in là miei componimenti degli anni Novanta, all’epoca pubblicati su riviste cartacee, per far capire la differenza e la progressione (anche d’intenti) di cui giustamente parli.
      Ti ringrazio anche per aver colto la sperimentazione ritmica all’interno di queste poesie e, ovviamente, per la disamina.
      Sonia Caporossi

  5. Poesia è il vomito di un istante
    L’alleggerirsi scabro di succhi gastroenterici
    Un dito immerso nell’egolatria
    Della Musa di turno,
    nei suoi affreschi vaginali.

  6. Tanti Ego arrancano quando i giochi sono fatti e il sommo croupier incassa la giornata e “la pigra ipocrisia” è la sintesi perfetta del paroliere di mediocre parole che nella comune indigestione somma colori sbiaditi a quelli già tinteggiati sulla tela. La poesia, forse, abbisogna di stimoli esterni per poter sopravvivere, stimoli che non appartengano al proprio misero delirio di onnipotenza generato dalla solitudine dei pensieri omologati che non vedono un attracco in un porto sereno dove le “altezze differite” delle maree sono ” imposte dalla natura”. Belle, piaciute.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...