“Ieri, nel campo” di Vladimir D’Amora

12 pensieri su ““Ieri, nel campo” di Vladimir D’Amora”

  1. ho tracciato segni…nel campo…nel mentre le mie maschere come pelli si sfogliavano alla ricerca di …io…sto scavando al centro del…campo…velo su velo…nel mentre la terra autonomamente si scuote…

    1. Grazie della segnalazione, articolo interessante. Per fortuna questo non è un saggio, ma un’opera d’arte scrittoria, altrimenti sarebbe un errore da emendare.
      Lo segnalo comunque all’autore.

  2. … applicatevi al resto… E ‘sti filologismi miopissimi, riservateveli per altre lande… Qui si fa proprio la storia della produzione del nulla.
    Poi, atteggiatevi come meglio credete.
    Addio.

  3. Non inventata, ma “ripresa” da altri che l’avevano inventata (vedi link da me postato).
    Ma, di fronte al “chi se ne frega” di disartrofonie, mi inchino ad ossequiare in silenzio.

    1. Visto il link da te postato: ripeto, se fosse stato un articolo scientifico, avremmo emendato. Ma siccome è opera di fantasia, e visto che la verosimiglianza è cosa precedente alla caduta della metafisica, a mio parere ci sta anche bene. 🙂
      Invece di officiare il silenzio, sentiti libera di scriverci quando e come vuoi. Sempre benvenuta.
      Grazie.

    1. Scrittoria non da scriptorium, ma da scrittore. Parliamo su facebook, una che controlla le cose su archivi e lexicon con tale fiero cipiglio non può suscitarmi che divertita simpatia 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...